L'isola di Tavolara
Veduta dell'Isola di Tavolara
L'isola di Tavolara fa parte di un piccolo arcipelago che comprende isolotti minori come Molara e Molarotto. Si presenta come un parallelepipedo calcareo dal punto più alto del quale, noto con il nome di Punta Cannone, è possibile godere di un panorama unico al mondo. La particolarità dell'isola è che il suo ecosistema si è conservato intatto grazie alle difficoltà che si incontrano per l'approdo. 
Infatti le sue coste sono per lo più impervie e scoscese in quanto in prevalenza rocciose. In particolare, le falesie del versante sud-est di Tavolara arrivano fino a 100 metri di altezza. La vegetazione più diffusa sull'isola è il lentisco assieme all'olivastro. Inoltre, sull'isola nidificano uccelli rari quali, per citarne alcuni, l'uccello delle tempeste, l'aquila del Bonelli, il gabbiano corso, il gabbiano reale. L'attuale arcipelago era, ovviamente in epoche remote, collegato alla terra e difatti in una delle grotte presenti sull'isola di Tavolara, la c.d. Grotta del Papa, sono state rinvenute pitture rupestri e altre tracce della risalenti al neolitico. Oggi e da circa 9 mila anni la Grotta è accessibile solo dal mare.  Il settore orientale dell'isola è, inoltre, zona militare, e come tale inaccessibile. Sull'isola però, nei pressi della località chiamata Spalmatore di Terra, si trovano alcune spiagge, un porticciolo, due ristoranti tipici e qualche casa. Di recente Tavolara fa da sfondo ad un'interessante rassegna cinematografica estiva, che coinvolge artisti di grande fama e richiama un pubblico appassionato.