Escursioni nell'Amp di Tavolara e Capo Coda Cavallo
Regolamento a dell'Amp di Tavolara e Capo Coda Cavallo

L’area marina protetta interessa la costa della Sardegna nord-orientale da Capo Ceraso fino a Capo Coda Cavallo e comprende le isole di Tavolara, Molara, Molarotto, Piana e altri isolotti minori oltre che i territori dei comuni di Olbia, Loiri Porto San Paolo e San Teodoro. La zona è stata sottoposta a protezione per il valore naturalistico dell’ambiente marino e il livello di conservazione dell’ittiofauna. Identificata come area marina protetta di reperimento con la Legge n°979 del 31 dicembre nel 1982 è stata istituita nel 1997 con Decreto Ministeriale del 12 dicembre, ed in seguito modificato con Decreto ministeriale del 28 novembre 2001. L’ente gestore è affidato ad un consorzio dei tre comuni rivieraschi: Olbia, Loiri Porto S. Paolo e S. Teodoro, della Provincia Gallura, per cui l’ area marina protetta ha la sua sede legale presso il Comune di Olbia, in Via Dante 1 07026 Olbia, e la sede operativa in Via Porto Romano n. 8 ad Olbia tel. 0789/203013 e  tel.0789/204514. Il tratto di costa interessato è sicuramente uno dei più belli e suggestivi del Mediterraneo, tra l'altro non distante dalla Costa Smeralda. L’area marina protetta di Tavolara - Punta Coda Cavallo fa parte della “Reta Natura 2000” e ricomprende nel suo territorio una Z.P.S. (Zone di Protezione Speciale): “le isole di Tavolara, Molara, e Molarotto” ed un “sito di interesse comunitario” (S.I.C.), lo Stagno di S. Teodoro Punto di sosta dei fenicotteri rosa durante i periodi migratori e residenza dell’elegante Cavaliere d’Italia.